Nastri d’argento 2018, otto premi a ‘Dogman’

7

Otto premi, quasi tutti quelli più importanti, per ‘Dogman’ il nuovo film di Matteo Garrone alla 72esima edizione dei Nastri d’argento, i riconoscimenti assegnati ogni anno dal Sngci (Sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani). La storia del ‘Canaro’ di Roma ha ottenuto il massimo riconoscimento come miglior film, migliore regia, miglior attore protagonista con un ex aequo per Edoardo Pesce e Marcello Fonte, miglior produzione, montaggio, scenografia, sonoro e casting. Paolo Sorrentino invece ha vinto il Nastro per la migliore sceneggiatura, quella di ‘Loro’ scritto insieme a Umberto Contarello. Per lo stesso film premiate anche Elena Sofia Ricci, migliore attrice protagonista e Kasia Smutniak, migliore attrice non protagonista, oltre a Riccardo Scamarcio, migliore attore non protagonista. E ancora, ‘Come un gatto in tangenziale’ diretto da Riccardo Milani e interpretato nei ruoli principali da Paola Cortellesi e Antonio Albanese vince il premio per la migliore commedia insieme ai Nastri come migliore attore e migliore attrice di una commedia. Serena Rossi invece è stata premiata per la canzone Bang Bang nella colonna sonora di ‘Ammore e malavita’,diretto dai Manetti Bros. Tra gli attori del musical in salsa napoletana riconoscimento anche a Claudia Gerini con il ‘Premio Nino Manfredi’ mentre il Nastro d’argento per il migliore soggetto va a Luciano Ligabue per ‘Made in Italy’. Infine consegnati i n Nastri alla carriera: vanno a Gigi Proietti e Massimo Ghini, per i suoi primi quarant’anni di carriera.